Scrivere un diario

Bambini in quarantena: come tenere un diario del Lockdown

Le emergenze sanitarie ed economiche innestano conseguenze sulla vita di tutti noi. Soprattutto nei bimbi che, in età evolutiva, necessitano di punti di riferimento stabili e di certezze.

La rottura improvvisa della routine quotidiana. Il distanziamento sociale. L’allentamento dei legami di amicizia, producono un vero e proprio smarrimento. Un turbinio di emozioni, sentimenti, pensieri che il fanciullo dovrà imparare a riconoscere ed accettare, anche con il supporto dei genitori.

In questi giorni il mondo politico e finanziario si interroga sull’impatto che la crisi economica avrà nel futuro del nostro paese. Mass media e new media si avvicendano nel diffondere in tempo reale notizie e informazioni dettagliate. Anche con il rischio di generare infodemia.

 

Perchè scrivere un diario aiuta?

Affidare alla penna i propri pensieri assume un valore catartico. Proprio come il diario di Anna Frank che, giorno dopo giorno, dava voce ai timori della fanciulla. La penna è da sempre uno strumento potente poiché supporta un lavoro introspettivo che aiuta gli scrittori in erba, ma non solo, a maturare la consapevolezza di sé ed incrementare la creatività e la fantasia.

 

Agli adulti spetta il compito di incoraggiare il bimbo a lasciarsi trasportare dallo stream of consciousness: il flusso di coscienza che porta in superficie pensieri, conflitti interiori ed emozioni.

 

Condividere è un valore!

Speriamo questi pensieri possano intrattenere e magari fornire ispirazione ai tanti bambini che si trovano a vivere questo periodo così particolare.

Fateci sapere nei commenti come state vivendo questi momenti. A quali attività vi state dedicando. Cosa avete messo in pratica per rendere il lockdown un periodo costruttivo.

 

Le Vostre considerazioni saranno di grande utilità per tutta la community. Quella dei bambini ma anche dei genitori!

Se poi vi sentite creativi potete utilizzare il nostro form per proporre i Vostri contenuti.

 

A presto!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *